Quando ti occupi di SEO, putroppo, lo vedi ovunque anche dove non c’è o dove forse sarebbe potuto esserci ma vaglielo a dire agli Inca.
Piccola premessa.
khipuIeri ero per musei, sono entrata nel museo etnografico di Roma, zona Eur, ricco di reperti davvero suggestivi (la gestione lascia un po’ a desiderare, tipo che i condizionatori si sono rotti e quindi si schiattava dal caldo).

Ad ogni modo, non ho potuto non fotografare e rendervi partecipi di questo: il Khipu, strumento mnemotecnico in cotone, e ovviamente per un motivo preciso, contenuto nella descrizione, che riporto qui:

“… Alcuni studiosi recentemente hanno sostenuto la tesi che i khipu, oltre ad informazioni numeriche, fornissero anche informazioni riguardanti la religione e la storia attraverso un sistema di scrittura a struttura sillabica, collegata ad una serie di parole chiave.”

Questo giusto per riflettere sua una cosa.

Da che mondo è mondo, le persone ragionano utilizzando dei concetti chiave. Nel nostro cervello ragioniamo “assemblando” le idee in parole chiave e questo perchè il nostro cervello è meraviglioso e funziona – di per sè – già per ottimizzare tempo e capacità mnemonica.

Non credo che alcuna macchina potrà mai sostiuire il nostro cervello, di certo il nostro cervello non deve diventare una macchina, soprattutto quando lavoriamo in questo settore dove utilizzare la logica alle volte può avere molto più senso che incrociare due o tre numeri.

 

Anche gli Inca avevano il loro Google